UMBRIA: come stare dentro un quadro

To start the day in the best way, enjoythe extraordinary buffetbreakfast in the our courtyard caressed

”Il dio umbro, poi, ebbe un meraviglioso azzurro per il cielo e un colore ancora più bello con cuitinteggiò le lontananze e le montagne. Perciò l’Umbria è così miracolosamente azzurra; la più azzurra di tutte le terre.”
(Karel Čapek)

Umbria

Come quando nei film fanno da sfondo a scene romantiche immensi campi di girasoli; o distese di campagne verdi; o campi con balle di fieno qua e là… quando si intravedono scorci di meravigliosi borghi che sovrastano le colline: l’Umbria è quel magico luogo.

Unica regione dell’Italia peninsulare a non essere bagnata dal mare; situata tra Toscana e Marche, è per lo più una regione collinare e montuosa; attraversata dalla vallata del Tevere.Potrebbe essere definita il polmone d’Italia: aria fresca, pulita, che si respira per km immersi nel verde; da un lato valli ai piedi dei monti dell’Appennino Umbro-Marchigiano, dall’altro pianure e colline tinte di un verde smeraldo puro.

Umbria

 

 

I monti Sibillini sono tra i più alti, e proprio qui si ambienterebbe la misteriosa leggenda della Sibilla… la Sibilla, maga raccontata da alcuni come una semplice donna dotata di abilità nel predire il futuro.. e da molti altri come una figura demoniaca, sarebbe ricercata dai più temerari, i quali pur di conoscere le sue predizioni si arrampicano fin alla sua grotta nascosta e lì la interrogano sul proprio futuro in cambio di denaro.

Dal trekking agli sport sciistici questa parte dell’Umbria interessa anche i più sportivi. Ma l’Umbria è meravigliosa anche nelle sue città e nei suoi caratteristici paesini.

E’ storia a Perugia, capoluogo regionale, con la sua Fontana Maggiore, nel centro città, costruita nel 1200 e raffigurante tre ninfe e altri personaggi legati alla fondazione mistica della città.

Sembrerà strano ma a Perugia uno dei luoghi più affascinanti è proprio l’antico acquedotto, miracolosamente funzionante nei tempi antichi in una città ricca di dislivelli come Perugia, percorrendolo ad oggi infatti è possibile fare una stupenda passeggiata nel cuore della città, vista “ da sotto “. Ad arricchirla ulteriormente la Rocca Paolina, antica fortezza e simbolo dell’autorità papale fino al 1860. E come recarsi a Perugia senza mangiare del cioccolato perugino? Ebbene grazie alla Casa del cioccolato Perugina, situata poco al di fuori del centro storico l’esperienza non è solo legata al gusto degli amati baci, ma anche all’osservazione del procedimento che porta alla loro creazione.

 

 

Ma l’Umbria non si ferma alla bellezza di Perugia; c’è Montecasale con l’Eremo di Montecasale, suggestivo luogo di culto aperto al pubblico; o ancora Palazzo Vitelli alla cannoniera, pinacoteca situata a Città di Castello; a Spoleto il Ponte delle Torri ed il duomo risalente al 1100.. Ed ancora è possibile passeggiare per i borghi di Orvieto, Todi e Foligno o recarsi ad Assisi, città di San Francesco d’Assisi, dove è possibile visitare l’omonima basilica che ne custodisce le spoglie mortali.

L’Umbria è piena di storia, piena di cultura, è affascinante.

Ma è anche pace e serenità in tanti dei suoi scorci, immersi nella natura, magari con un calice di Sagrantino di Montefalco, vino tipico e tra i più famosi nella regione, ad accompagnare l’atmosfera magica che ospita. E non c’è giornata che si rispetti che non abbia fine con una tavola imbandita dai piatti più buoni, e ovviamente rigorosamente locali. Dalle famose costolette d’agnello, racchiuse nel gustoso Agnello scottadito alla Faraona in salmì, ovvero cucinata nel vino con forti contrasti dati dalla milza o dalle olive, ancora ai salumi, di tutti i tipi, di cui l’Umbria abbonda: capocollo, salsicce secche e chi più ne ha più ne metta!
L’Umbria è di una bellezza decisa, anche a tavola!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.