Emilia Romagna: tra mari e monti, tra verde e blu.

To start the day in the best way, enjoythe extraordinary buffetbreakfast in the our courtyard caressed

“ L’Emilia Romagna è quella regione diversa dalle altre, un po’ anziana, tradizionalista, e bellissima.”

EmiliaRegione del Nord Italia, l’Emilia Romagna, grazie al contrasto tra monti e mare che la percorrono, offre dei panorami unici e spettacolari.
Monti, colli, distese di verde immense e travolgenti, e ancora città medievali ricche di storia e cultura, ad ogni angolo sorprende in modi unici e nuovi. Bologna è la regina dell’Emilia, con Piazza Maggiore, la piazza principale circondata dai maggiori monumenti e palazzi, come il Palazzo del Podestà, sulla cui cima sorge la torre dell’Arengo, la cui campana era utilizzata per richiamare il popolo alla raccolta.

Si narra, che proprio ad uno dei quattro angoli della piazza, ai piedi del Palazzo del Podestà, sia possibile far giungere il suono della propria voce all’angolo opposto, senza che però chi transiti al centro possa udirla… Questo curioso fenomeno veniva sfruttato dai frati per poter confessare i lebbrosi salvaguardando la propria salute.. e ad oggi ancora viene sperimentato dai più curiosi. Ed ancora le Torri Garisenda e degli Asinelli, anche queste medievali, con funzioni militari; e la Basilica di San Petronio, la più grande della città, dalla quale si può osservare un panorama mozzafiato.

Emilia

E Via D’Azeglio, che è solita illuminarsi nel periodo invernale grazie a luminarie che riportano testi di celebri canzoni italiane, come l’anno che verrà di Lucio Dalla, natale proprio del capoluogo emiliano.  Parma, con la sua imponente cattedrale in stile romanico ed ancora il Battistero di Parma ed il Palazzo della Pilotta; con la boccata d’aria offerta dal Parco Ducale, distesa di verde nel centro città. E Modena, città natale dell’amatissimo Enzo Ferrari, fondatore della casa automobilistica Ferrari, al quale è dedicato un museo in città; ma anche dell’eccellenza canora italiana Luciano Pavarotti, al quale è a sua volta stato dedicato un omonimo museo.

L’Emilia Romagna ha dato i natali a due dei marchi che hanno fatto la storia automobilistica: oltre che essere il luogo di nascita di Enzo e Dino Ferrari infatti, lo è anche del celebre Ferruccio Lamborghini, creatore della casa automobilistica Lamborghini: due nomi che hanno fatto sì che l’Italia potesse essere conosciuta nell’ambito a livello mondiale.

Emilia

C’è Ferrara, che porta con sé una grande eredità architettonica derivante dalla dominazione rinascimentale degli Este, un tempo signori della città: il Castello Estense, ricco di camere lussuose; così come il Palazzo dei Diamanti e la Cattedrale maestosa. E poi c’è Imola, che ospita l’autodromo Enzo e Dino Ferrari, famoso circuito sul quale si corre il Gran Premio di San Marino, una delle tappe del motomondiale.

E ancora Rimini, con il ponte di Tiberio, e con la curiosa “ Italia in miniatura”, parco tematico dove sono situate oltre 270 riproduzioni di monumenti europei; ma che offre anche grandi spiagge amate dalle famiglie, così come dai più giovani, ricche di vita e allegria.. tra aperitivi in riva al mare e tramonti mozzafiato.

Ma è anche distese di colli verdi, vigneti e tanto, tanto cibo…I tortelli, rigorosamente fatti di pasta fresca tirata a mano e farcita all’interno; o ancora i cappelletti, anche questi primo piatto originario dell’Emilia e amatissimo; così come le lasagne al ragù, e non possono mancare all’appello gli gnocchi fritti accompagnati da salumi: prosciutto, anche questo regionale, e più precisamente di Parma, e formaggi stagionati… e per i più temerari anche accompagnati dal lardo!

E come direbbero loro” Bì e’ ven e lassa andê l’aqua a e’ mulen”, bevi vino e lascia andare l’acqua al mulino, quindi che non manchi mai a tavola del Lambrusco, dell’Albana di Romagna, o qualche variante regionale ad accompagnare i pasti! I romagnoli sono un popolo accogliente, molto legato alle proprie tradizioni, soprattutto culinarie.. sono spontanei!

L’ospitalità è coinvolgente e allegra, a costo però che non denigriate Vasco Rossi e che non parliate di pasta con il ragù in scatola!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.